, , ,

Ricette per una “gufara”

Bentornati!

Questo che vi mostro oggi è un lavoretto vecchissimo, fatto davvero taaaanto tempo fa, addirittura per lo scorso Natale…ho scorso tutti gli articoli pubblicati fino a dicembre 2016 perché non ci credevo, e invece mi era proprio sfuggito, forse nel marasma delle foto dei lavori di Natale che effettivamente sono sempre tante, questo me lo ero del tutto dimenticata. Fa niente, recuperiamo oggi :)

Si tratta di un piccolo ricettario, faceva parte del regalo fatto ad una amica appassionata come me di cucina, e che come me ha il fornetto Versilia.Preciso subito che il contenuto, ossia la raccolta di ricette per il cornetto Versilia, non è mia ma l’ho trovata su internet, un pdf già di suo molto carino, pronto da stampare (se qualcuna è interessata contattatemi che cerco di risalire al link dove potete trovarlo).

Io l’ho appunto stampato e mi sono occupata di preparare la copertina; la destinataria di questo libricino è una patita di gufi e ama il rosa, quindi questa carta da scrap glitterata che giaceva lì da anni e anni (tra l’altro penso me l’avesse portata un amico da un suo viaggio negli USA) era perfetta per l’occasione, non ho dovuto pensarci su neanche un attimo! :)

Fuori come unica decorazione ho messo un bannerino con la scritta “Ricette” formata da letterine adesive in foam; la carta è già molto vivace di suo, quindi non ho voluto appensantirla con altri abbellimenti. Nell’interno della copertina ho previsto una piccola tasca con un bloc notes, a portata di mano per eventuali appunti relativi alle ricette!

E’ tutto anche per oggi, alla prossima!

Francesca

, , ,

Le mie prime Midori

Rieccoci!

Ma sì dai, sono stata bravina, forse ce la faccio a riprendere il ritmo di un articolo a settimana… :)

Sempre restando sul tema delle vacanze, oggi voglio farvi vedere il mio primo timido tentativo di midori, o per lo meno di copertine che somigliano a quelle di una midori.

Le midori come saprete meglio di me sono queste meravigliose agendine/quadernetti/diari che tanto stanno andando di moda ultimamente…su internet si trovano dei veri capolavori, io per esempio adoro le Manudori, non ho ancora avuto il piacere di acquistare una di queste creature della Manu ma prima o poi spero di concedermene una perché sono davvero fantastiche, e infatti in un certo senso ho cercato di ispirarmi alle sue nel realizzare i miei 2 “esperimenti” :)

Come ogni anno ho preparato con un file molto semplice fatto da me, un quadernino con una pagina per ogni giorno di viaggio, dove annoto i posti visitati, dove e cosa abbiamo mangiato, il meteo, i mezzi utilizzati, etc; questo mi è molto utile quando dopo a distanza di tempo vado a fare l’album di foto, per ricordare velocemente i nomi di luoghi, spiagge, etc e gli spostamenti fatti.

Inoltre tra una pagina e l’altra che incollo tra loro per formare il quadernino, lascio sempre lo spazio interno aperto (praticamente le incollo solo i bordi) in modo tale che tra una pagina e l’altra si crea una sorta di “tasca” dove metto biglietti e scontrini vari della giornata.

Generalmente a questo quadernetto faccio una copertina fissa, quest’anno invece ho preparato una copertina plastificando un foglio di carta patterned (quella verde a fiori), l’ho forata ho fatto girare un elastico con il sistema delle midori, infine ho infilato il quadernino nella copertina!

Devo dire che è stata veramente comoda, perché l’elastico che gira anche esternamente mi ha permesso di tenere sempre chiuso il quadernino evitandomi di perdere qualcosa per strada o avere in giro scartoffie per la borsa!

Ovviamente in questa maniera la copertina sarebbe riutilizzabile, perché basta sfilare il quaderno e inserirne uno nuovo…chissà…magari l’anno prossimo la riutilizzo o se nel frattempo mi sarò ulteriormente impratichita ne farò una più carina :)

La seconda invece è una copertina stile midori ma fatta per diventare un porta documenti. Anche qui ho plastificato un foglio di carta patterned e ne ho rinforzato la costa con un giro di washi tape largo, dentro e fuori. All’interno invece se notate l’elastico è “interrotto” a metà copertina, volutamente, per creare 2 zone dove infilare le stampe delle varie prenotazioni degli hotel; infine nell’interno delle facciate della copertina ho incollato 2 rettangoli di carta a formare 2 tasche, che mi sono servite per metterci i biglietti dei voli aerei e la prenotazione del noleggio auto.

E’ stato veramente comodo, avevo sempre tutte le prenotazioni a portata di mano e penso che lo userò anche per i prossimi viaggi :)

Non posso che consigliarvele, tra l’altro se non avete molte pretese come me sono davvero semplici da fare, ma in compenso utilissime!

Ciaooo

Francesca

, , ,

Travel journal Formentera

Ciao, e bentornati sul blog!

La pausa estiva si è prolungata più del previsto, non perché sia stata in vacanza finora (magari!) ma perché da quando sono rientrata non mi ero ancora presa il tempo di scrivere articoli per il blog fino ad oggi, nonostante abbia lì un po’ di lavoretti vari da mostrare.

Infatti spulciando tra le foto del cellulare mi sono accorta di aver tralasciato dalla pubblicazione diversi lavoretti, o almeno credo…spero di non pubblicare la stessa cosa oltretutto in 2 articoli diversi, conoscendomi sarei capace anche di questo! :)

Quindi quello di oggi (sperando di non averlo già pubblicato tempo fa) è il travelbook che ho preparato quest’anno per mia cugina, una tradizione che ormai porto avanti da alcuni anni perché so che le piace portare in vacanza con sé qualcosa dove riporre tutti i suoi biglietti, appunti, etc.

Ho recuperato la copertina di una vecchia agenda perché mi piaceva molto la tonalità di azzurro; queste sono alcune foto di come ho decorato l’esterno:

All’interno invece ho utilizzato una facciata per il blocco note, i post it e una striscia di carta alla quale ho fissato delle graffette per eventuale necessità; nell’altra facciata invece una tasca dove riporre mappe o altri documenti.Al centro ho fissato invece una busta trasparente di quelle da pocket letter (le stesse che si usano per le figurine diciamo, quindi formato A4 diviso in 9 taschine), utile per conservare piccole cose, tipo scontrini, piccoli biglietti, etc.E’ tutto per oggi, spero di riprendere il ritmo con gli articoli e quindi, ottimisticamente…a presto! :)

Francesca

, , , ,

Mini album “Life” meeting ASI E.R.

Ri-ciao!

Sempre in tema di mini album, sempre in tema di corsi, sempre in tema di meeting…ecco il bellissimo progettino realizzato lo scorso 7 maggio al meeting regionale ASI Emilia Romagna-Marche grazie SteCreazioni

Anche in questo caso ho optato per acquistare il kit a disposizione ed utilizzare quindi le stesse carte del progetto originale proposto da Stefania.E’ davvero carino, una volta capito il sistema di tagli e pieghe da fare che già avevo provato molto tempo fa in una card, siamo andate spedite come dei treni! :)Con grande gioia ho portato a casa il progetto già terminato (ovviamente senza foto se no non sarebbe da me) anzi, mi è avanzato anche un po’ di tempo per le chiacchiere e per dedicarmi con calma a qualche acquisto! :)Come al solito la giornata è stata piacevolissima ma ahimè è volata…grazie alle nostre referenti e a chi si adopera ogni volta per farci passare una bella domenica di scrap :)Anche per oggi è tutto, a presto!

Francesca

, , , , ,

Mini album nazionale

Bentornati!

Come vi avevo anticipato prosegue la carrellata “anomala” di minualbum, che sono riuscita a completare nelle scorse settimane :)

Quello di oggi è il mini album realizzato al meeting nazionale ASI e precisamente al corso di Alessandra Piras…mi sa che sono l’ultima a far vedere ancora qualche lavoro frutto dei corsi del nazionale, che scandalo che sono!

La struttura dell’album è molto bella, e questo cartoncino bianco che era in dotazione nel kit con il quale abbiamo realizzato lo scheletro mi è piaciuto un sacco, perchè nonostante il suo spessore tutto sommato ridotto, risulta bello sostenuto e per nulla debolino.

Rispetto al progetto originale ho fatto solo 2 piccole variazioni; la prima riguarda la decorazione della copertina, che ho chiaramente personalizzato rispetto all’originale; la seconda invece riguarda la pagina centrale, dove nel progetto di Alessandra era presente una sola foto, mentre io ho incollato un piccolo inserto che si apre a libro per riuscire a farci stare 3 foto.

Qui sopra invece vi mostro una carrellata di foto della terza pagina dell’album, che è quella più corposa, con un piccolo “libricino” composto da varie pagine di foto e decorazioni

Che dire, il progettino è stato davvero interessante e mi ha dato molta soddisfazione…tra l’altro se avessi avuto le foto con me durante il corso probabilmente sarei riuscita praticamente a completarlo!

Dopo a casa il lavoro è stato abbastanza semplice, una volta stampate le foto l’ho terminato rapidamente.

Alla prossima!

Francesca