Articoli

Ciaoooo!

Oggi torniamo alla carta, perché maggio è stato un mese bello intenso per comunioni/battesimi etc, e quindi ho alcuni lavori da mostrarvi…

Questo di oggi è forse il più particolare: parliamo della Prima Comunione di Vittoria.Ho capito subito che Vittoria non era una ragazzina come tutte, quando sua mamma mi ha dato qualche indicazione per preparare gli inviti…

Mi ha mandato in crisi! :D

Le indicazioni erano: coccinelle (e fin qui niente di così assurdo, anche se da una ragazzina della sua età ti aspetti fiori, farfalle, fiocchi, etc…), ma soprattutto i colori…giallo e verde.

No rosa, lilla, oro, fucsia…no no, giallo e verde! :O E non un verde o un giallo pastello…giallo limone e verde acido!! :O ho pensato “oddio e adesso cosa mi invento…” volevo tirare fuori qualcosa di grazioso nonostante questi 2 colori così strong, ma senza cadere su qualcosa di maschile…

E insomma, alla fine qualche prova è venuta fuori, e la scelta di Vittoria è stata per questo formato: Fortunatamente al Nazionale ASI 2018 nella goodie bag c’erano queste fustelle carinissime di Florilège che mi hanno permesso di tagliare delle foglioline, alle quali ho applicato sopra del filo twine, una fetta di legno (ne avevo un sacchettone giacente in casa da non so quanto tempo, acquistate su Opitec e finalmente utilizzate!) e infine la coccinella richiesta.

Tutto il resto è solo un po’ di cartoncino, bianco giallo e verde, non vi occorrono molte spiegazioni :)

Devo ringraziare Vittoria per avermi messo davanti a questa piccola sfida, il cui risultato tutto sommato non mi dispiace, spero sia gradito anche a lei!

Per oggi è tutto, vi aspetto al prossimo articolo per il secondo step…sì perchè non è finita qui con il giallo-verde… :)

Alla prossima!

Francesca

Bentornati!

Anche quello di oggi è un articolo molto veloce, inizialmente non volevo nemmeno scriverci su un post poi ho pensato che siamo a ridosso del Natale e qualsiasi cosa può essere di ispirazione per qualcun altro alla ricerca di idee…quindi ecco qui un pacchetto fatto qualche settimana fa in occasione di un compleanno :)

Un pacchetto molto sobrio ma con una sua personalità, per un neo 50enne appassionato di musica :)

Ho usato della semplice carta da pacco e un nastro verde al quale ho sfrangiato solo quale ricciolino, lasciandone alcuni più larghi.

Come biglietto una tag che riprende gli stessi colori, decorata con 2 washi tape, uno glitterato verde e l’altro con i tasti del pianoforte.

Sopra il 50 composto da 2 stickers di foam della American Crafts che ho volutamente lasciato bianchi, al naturale.

Molto semplice, ma forse è proprio il suo bello! Che dite?

Alla prossima!

Francesca

Bentornati nella seconda parte di racconto del battesimo di Emanuele!

La volta scorsa ci siamo salutati con un’anteprima di alcune girandoline che ora vi andrò a mostrare finite, e inoltre vedrete le bomboniere e altre decorazioni che avevo preparato per i tavoli del ristorante :)

img_5381Queste sono le girandole che nello scorso articolo avevate visto ancora nella loro fase iniziale, smontate dagli steli.

Ho per prima cosa relizzato tutte le girandoline, di 3 misure e in 3 colori diversi. Dovevano essere 8 vasetti da 3 girandole l’uno, quindi 24 in tutto.

Successivamente le ho combinate tra loro in modo da avere in ogni vaso una girandola grande, una media e una piccola, ma in modo tale da non ripetere lo stesso colore o fantasia.img_5383Una volta creati i gruppetti da 3 ho abbinato loro le cannucce che fungono da steli; sono le classiche cannucce dell’Ikea, quelle che si acquistano nei sacchettoni da 100 pezzi di 4 colori misti; io ho utilizzato quelle azzurre e quelle gialle, mettendole a contrasto rispetto alle girandole (girandole azzurre –> cannucce gialle, girandole gialle o verdi –> cannucce azzurre).

Infine ho preparato i vasetti…

img_5384Sono 8 vasetti di latta beige, che ho riempito con della spugna verde da fiori; ho poi infilzato le cannucce sfalsandole un po’ tra di loro, e infine ho nascoto la spugna da fiori incollandoci sopra tante striscioline di carta crespa verde, per fare un po’ un effetto “erba”; quest’ultima è stata forse la fase più lunga del lavoro delle girandole, perchè la carta crespa va dove vuole e non è semplicissimo attaccarla alla spugna!

La fatica però è stata tutto sommato ripagata, il risultato finale mi ha soddisfatto abbastanza :)img_5385Ma passiamo al secondo lavoro, un lavorone vista la quantità…le bomboniere!

La mamma di Emanuele ha acquistato da un apicoltore questi carinissimi vasettini di miele di acacia. Li abbiamo poi completati coprendo il coperchio con un pezzetto di tela legato da un cordoncino di cotone, al quale sopra è stato applicato il fiorellino contenente i 5 confetti.img_5387Il fiore di confetti è stato fatto con quei nastri di petali che si acquistano al metro, si riempiono con i confetti, e tirando il filo “sfilzettato” nel nastro si chiudono formando il fiorellino.

Per non usare troppo la colla a caldo a ridosso dei confetti, cosa che non mi piaceva tanto, ho usato il filo della coulisse una volta tirato e annodato, per cucire il fiore alla tela che copre il vasetto. E’ stata un’operazione un po’ lunga ma ho preferito così!

img_5386Infine sopra al fiore ho applicato queste bellissime apette di legno, stavolta dando una piccola goccia di colla a caldo direttamente sull’ape (qui era una cosa veramente irrisoria, non vedevo nessun rischio per i confetti).

Troppo carine queste api, erano davvero perfette da mettere lì sopra, non potevamo trovare di meglio!

Ecco quindi il nostro fiorellino di miele completato, che dite, l’idea è carina no? :)

img_5388E infine…con questo esperimento (devo dire ben riuscito visti tutti i complimenti ricevuti) chiudo la carrellata di oggi…

le mongolfiere centrotavola!

Le avevo viste su Pinterest e ce ne eravamo innamorate, così abbiamo pensato di farne dei centrotavola che contenessero delle noccioline americane da sgranocchiare durante il buffet.

L’idea è indubbiamente bella, ma c’è un piccolo ma…

non avevo mai realizzato niente del genere! L’assemblaggio mi sembrava tutto sommato abbastanza semplice, ma mi intimoriva il fatto che le vedevo come…non so come dire…dei giganti di argilla.

In effetti è così, sembravano molto fragili e da vuoel erano anche parecchio traballanti, ma una volta riempite di arachidi la base è diventata più pesante e sono diventate molto più stabili! Inoltre hanno retto al trasporto, alla festa, a tutti i curiosi che le toccavano e le prendevano in mano, non se ne è smontata o scollata una, sono arrivate integre a fine festa! Anzi, alcuni se le sono portate a casa per farle diventare dei paralumi/abat jour/lampadari o altre cose! :)

img_5390Ma veniamo al procedimento…abbiamo trovato in vivaio questi 4 cestini coprivaso che secondo me rappresentavano perfettamente il “cesto” della mongolfiera! Su Amazon poi ho comprato delle lanterne cinesi azzurre per fare il pallone aerostatico…in realtà l’idea iniziale era di farle con i palloncini, ma sull’argomento sono davvero ignorantissima, non sapevo se gonfiarli ad elio o meno, che palloncini usare, quanto tempo sarebbero rimasti gonfi…insomma non mi fidavo, per cui ho spinto per le più “sicure” lanterne cinesi, che tra l’altro devo dire che danno un aspetto molto più fine e chiccoso dei palloncini!

Ho incollato agli angoli dei cestini 4 spiedi di legno, quelli belli lunghi da spiedini e sopra vi ho adagiato le lanterne cinesi, fermando tutto con delle piccolissime gocce di colla a caldo.

img_5389Con il raso azzurro ho ricoperto gli spiedini arrotolandovi il nastrino a spirale, e facendolo passare sulla lanterna. Infine ho applicato tutt’intorno un nastro di pizzo e 4 fiocchettini nella circonferenza delle lanterne, e lo stesso nastro di pizzo a contrasto l’ho utilizzato nel bordo superiore dei cestini.

Ho rivestito infine l’interno dei cestini con la stessa carta crespa verde utilizzata nei vasetti delle girandole. Che dirvi, dal vivo facevano davvero un gran effetto, mi sono piaciute tantissimo e l’idea di realizzarle con le lanterne è stata secondo me vincente!

Voi che dite, vi piacciono? Provate a realizzarle per le vostre feste perchè sono davvero molto decorative, e lascerete tutti a bocca aperta per la loro particolarità :)

Anche per oggi è tutto, vi rimando al prossimo articolo per l’ultima puntata del battesimo :)

Francesca

Bentornate/i!

E’ passato un po’ di tempo dal mio ultimo articolo e me ne scuso, è stato un periodo molto intenso, soprattutto per un triste evento che non sto qui a spiegare…ma c’è stato anche qualcosa di positivo, tipo l’evento che vi racconto oggi.

Avevo accennato tempo fa di essere alle prese con alcuni progetti che non potevo svelare subito, e questo è quello che sicuramente mi ha tenuto più impegnata…il battesimo di Emanuele, il bimbo di una mia carissima amica :)

Mi è stato chiesto di dare una mano nella preparazione delle bomboniere e nell’allestimento della sala che avrebbe ospitato la festa post cerimonia…e potevo tirarmi indietro?! No ovviamente, l’ho fatto con enorme piacere e anzi, sono stata davvero lusingata di tutta questa fiducia :)

Quindi nel giro di 2-3 articoli vi farò una carrellata dei lavoretti realizzati per questa bella festicciola…

oggi partiamo con quelli che forse sono stati un po’ più semplici:

img_5294Quelli che vedete sopra sono i coni che ho realizzato per la confettata; sì, abbiamo allestito una confettata bella ricca, e oltre ai sacchettini di organza per portarsi i confetti a casa, la neo mamma mi ha chiesto di realizzare dei piccoli contenitori con i quali gli ospiti potevano servirsi e smangiucchiare sul momento.

Io prediligo spesso questi coni “origami” ai coni classici lunghi, li avevo preparati anche per il mio matrimonio come portariso e mi erano piaciuti, li trovo un po’ più originali oltre che molto semplici da fare.

Ho utilizzato del bristol leggero color azzurro baby, e ho chiuso il lembo sul fronte con una fustellata sempre a tema bimbo, è un vecchio kit della Sizzix formato 4 fustelle Sizzlits una con una faccina, una con un biberon, una con una spilla da balia e una con la scritta “baby”, e qui ho usato le prime 2.

img_5295Il secondo lavoro fatto sempre per la confettata sono i cartellini con i gusti dei confetti; lo so che state ammirando i gusti goduriosi dei confetti, ma cercate di concentrarvi sul mio lavoretto :P

Anche qui ho fustellato del cartoncino azzurro e bianco con le mie vecchie Spellbinders Nestabilities di varie forme (sul cartoncino bianco avevo in precedenza stampato le parole), poi ho incollato i cartoncini ad un legnetto abbassalingua, e decorato con un fiocchettino verde e un washi tape.

img_5312Vi lascio infine con un’anteprima, il lavoro completo lo vedrete nel prossimo articolo perchè devo ancora sistemare le foto… :)

Come potete vedere sono tante girandoline, di varie misure, e sono servite per creare dei vasetti che hanno decorato i tavoli.

img_5313I colori sono sempre l’azzurro il giallo e il verde, sono stati i 3 colori che si sono ripetuti in tutto (decorazioni, bomboniere, etc), e ho usato sia delle carte da scrap che dei cartoncini leggeri a tinta unita.

Per il centro delle girandole ho usato invece dei bottoncini spiritosi trovati in merceria. img_5310Per oggi è tutto, vi rimando alla prossima “puntata” per vedere la seconda parte di lavoretti! :)

Grazie, ciao!

Francesca

Ciao!

Finalmente usciti dal tunnel natalizio (era ora, a febbraio…) rieccomi con una torta di pannolini fatta oramai un po’ di tempo fa…in dicembre…ma si sa, in dicembre il Natale ha il monopolio (e anche dopo!) quindi ho dovuto attendere finora per pubblicarla.

torta_ginevra_00E sempre finalmente si tratta non di una torta commissionata ma regalata proprio da me, ai nostri vicini che sono diventati genitori a fine novembre della bellissima Ginevra.torta_ginevra_01Dico “finalmente” perchè quando faccio una torta che devo regalare io in prima persona mi sento più libera di sperimentare qualcosa di nuovo, di sbizzarrirmi, e di conseguenza mi diverto maggiormente…

in questo caso ho osato on alcuni colori “non convenzionali”, in aggiunta al rosa baby, che sapevo non essere proprio il colore preferito dalla mamma…quindi lilla, verde, etc.torta_ginevra_02Poi la torta non è la versione che realizzo solitamente, con i pannolini arrotolati uno ad uno, ma la versione da 90 pannolini, disposti a spirale e stesi.torta_ginevra_03Infine altra nota particolare sono le “roselline” sparse sui vari piani della torta… in realtà sono 4 coppie di calzini per la piccola Ginevra, che mi sono divertita ad arrotolare cercando di farli sembrare dei piccoli boccioli.torta_ginevra_04La cosa che mi è piaciuta di più però è stato il nome; al posto delle scritte che solitamente taglio ad hoc con la Cameo ho usato un alfabeto chipboard adesivo di Stamperia che avevo lì da diverso tempo, e che forse non avevo mai trovato modo di usare…

Qui devo dire che faceva proprio il caso suo, in foto non rende molto ma dal vivo è davvero bello, le lettere sono bianche leggermente lucide ma con una “leggera embossatura” a quadretti, erano proprio così in origine, io mi sono solo limitata ad attaccarle.

E’ tutto, ciaooo!

Francesca