Articoli

, , , ,

Mini album “Life” meeting ASI E.R.

Ri-ciao!

Sempre in tema di mini album, sempre in tema di corsi, sempre in tema di meeting…ecco il bellissimo progettino realizzato lo scorso 7 maggio al meeting regionale ASI Emilia Romagna-Marche grazie SteCreazioni

Anche in questo caso ho optato per acquistare il kit a disposizione ed utilizzare quindi le stesse carte del progetto originale proposto da Stefania.E’ davvero carino, una volta capito il sistema di tagli e pieghe da fare che già avevo provato molto tempo fa in una card, siamo andate spedite come dei treni! :)Con grande gioia ho portato a casa il progetto già terminato (ovviamente senza foto se no non sarebbe da me) anzi, mi è avanzato anche un po’ di tempo per le chiacchiere e per dedicarmi con calma a qualche acquisto! :)Come al solito la giornata è stata piacevolissima ma ahimè è volata…grazie alle nostre referenti e a chi si adopera ogni volta per farci passare una bella domenica di scrap :)Anche per oggi è tutto, a presto!

Francesca

, , ,

Side step card – regalini da meeting ASI

Ciao a tutte/i,

con un po’ di ritardo oggi vi mostro una card realizzata per uno swap, precisamente quello organizzato al meeting ASI Emilia Romagna Marche al quale ho partecipato lo scorso 20 novembre.

Lo swap consisteva nel realizzare una side step card a tema natalizio…

La caratteristica della side step card è quella di avere una serie di tagli e piegature, che permettono di sbizzarrirsi nella decorazione creando a volte dei veri e propri paesaggi 3d, o altre composizioni che danno comunque il senso di profondità, perchè per metà card si crea questa fisarmonica su cui applicare gli abbellimenti, che quindi si posizionano a livelli diversi.img_5485Questa era la mia modestissima interpretazione (dico modestissima e più avanti nel post capirete il perchè); ci ho messo tutto il mio impegno ma all’una di notte della sera prima del meeting capisco anche che non poteva venire fuori una cosa proprio eccelsa…sono la solita asina :)img_5486Come base ho usato un cartoncino beige, sul quale ho applicato da una parte una carta patternet di un kit natalizio della Dovecraft, son sopra un sentiment molto carino stampato da internet.

Nell’altra metà card ho applicato prima degli altri pezzi di cartocino beige ai quali ho sfumato i bordi con un tampone azzurro, come a creare delle colline innevate; sopra invece ho messo delle timbrate, per creare un mini paesaggio invernale.img_5487Gli alberelli sono un timbro di Impronte d’autore che ho timbrato con il Versafine Deep Lagoon ed embossato con la polvere trasparente glitterata, mentre gli animaletti sono quelli di un vecchissimo set della Pennyblack (vecchio ma sempre tra i miei timbri preferiti), che ho colorato con i pastelli. Ahimè nella colorazione io ho il buio totale, mi piacerebbe molto imparare a colorare bene i timbri almeno con gli acquerelli, chissà, se prima o poi riuscirò…

Infine nella parte bassa più lunga ho timbrato il “merry christmas”, proveniente da un kit di sentiment della Lawn Fawn, sempre con lo stesso Versafine blu embossato.img_5488Ma qui viene il bello…ora capite perchè ho usato “modestissima”, per descrivere la mia card? Bè basta guardare questa meraviglia…

Dallo swap infatti ho ricevuto questa meravigliosa side step realizzata dalla bravissima Silvana (scrap all’alba), una vera opera d’arte!img_5489Dalle foto forse non si vede ma il bazzil è di un bell’azzurro metallizzato, dove Silvana ha timbrato ed embossato i fiocchi di neve…

Poi riconosco i timbri Florileges (se non sbaglio) degli alberelli, utilizzati con grande maestria per creare queste sovrapposizioni tridimensionali di grande effetto :)img_5490E poi le renne, le casette, le campanelline…un sacco di particolari che rendono questa card ricchissima ma per nulla pacchiana, anzi, di una delicatezza ed eleganza uniche! Direi un vero home decor più che una semplice card!

Per Natale la tirerò fuori dal cassetto e la posizionerò in qualche lato della casa perchè è davvero decorativa…grazie!!!

Per oggi è tutto, a presto!

Francesca

, , , ,

Portafoto corso Helga

Ciao!

Il lavoro di oggi ci ha messo un po’ per venire alla luce, un po’ perchè le tecniche usate non sono per niente nelle mie corde, un po’ perchè non sapevo bene che uso farne ma non volevo “sprecarlo” per il solo desiderio di concluderlo velocemente…poi finalmente è arrivata l’occasione, una mia collega ha cambiato casa e quindi mi è sembrato l’oggetto giusto per farle un piccolo pensiero in occasione della sua casa nuova.img_2787.jpg

Questo progetto risale al 31 gennaio scorso, dove ad un meeting ASI Emilia Romagna la bravissima Helga ci ha proposto questo che in realtà doveva essere un minialbum…sono stata io successivamente a volerlo rendere un portafoto, per l’occasione.

img_2788.jpgLe tecniche sono nel classico stile d Helga, quindi abbiamo pastrocchiato tantissimo, con colori spray, distress, etc etc…tutte cose lontanissime dal mio modo abituale di scrappare, ecco perchè “non nelle mie corde”; questo però non significa che non mi sia divertita, non c’era un dito che non fosse imbrattato di colori, è stato un corso molto carino e con la solita pazienza, gentilezza e disponibilità che contraddistingue Helga.

img_2789.jpgMa veniamo a noi, come dicevo ho molto semplificato il progetto, riducendo quello che doveva essere un minialbum composto da varie pagine, in stoffa, tele e carta, a 2 sole pagine, 2 coppie di tele 15×20 che unite tra loro hanno formato questo portafoto utilizzabile da entrambi i lati.img_2791.jpgNon mi soffermo sulle tecniche usate per creare gli sfondi perchè non sarei in grado nè di spiegarle nè di replicarle :)

Per gli abbellimenti invece ho usato sia dei timbri e delle fustellate che ci aveva dato Helga (bellissime in particolare le 2 fustellate in gomma crepla nera “home sweet home” e “maison du bonheur”), sia dei miei timbri di una vecchia linea di Kesi’art.

img_2790.jpgEcco un collage con le 2 viste per intero del portafoto, da un lato e dall’altro! Non esiste un fronte e un retro in realtà, perchè entrambe le facciate sono utilizzabili allo stesso modo…così ogni tanto si può cambiare :)

Fuori uno da sopra la scrivania, finalmente! :)

Ciaooo

Francesca

 

, ,

Swap meeting ASI

Ciao!

Domenica si è tenuto il meeting ASI Emilia Romagna-Marche a Faenza, e un po’ per la vicinanza, un po’ il corso che mi attirava molto, un po’ la voglia di meeting…ci tenevo tanto ad esserci, nonostate il periodo non molto felice a casa che mi occupa quasi tutto il mio tempo libero.

Come ad ogni meeting era previsto uno swap, che questa volta aveva come argomento i paper bag, ovvero i sacchettini del pane che tanto ci piacciono nello scrap perchè si prestano a mille usi!

La paper bag doveva o essere l’oggetto del “regalino”, oppure fare da “packaging” ad un regalino mangereccio.

img_2353.jpgIo ho optato per questa seconda opzione, quindi ho preso un sacchetto di carta dei miei, che in realtà non è proprio un sacchetto classico del pane, ma sono sacchettini a fondo largo che ho comprato diverso tempo fa, e l’ho riempito con un sacchettino di cellophane pieno di mashmallows e dei cartoncini misti embossati.img_2352.jpgAllo stesso tempo però ho voluto fare una decorazione molto semplice, solo un nastro con infilata una tag, senza usare punti, colla etc., in modo che chi la ricevesse (se voleva) potesse riutilizzare il sacchetto perchè ancora integro :)

Spero che sia piaciuta e ringrazio la mia “abbinata” Elena Giorgini per il suo swap, tanti sacchettini di carta metallizzati che userò sicuramente!

A presto con il progetto del meeting :)

Francesca

, , ,

Pocket Letters, queste sconosciute

Ciao a tutti!

È un po che non scrivo, purtroppo ho avuto alcuni problemucci di salute (non io personalmente, ma in famiglia) che mi hanno fatto trascurare un po il blog nelle ultime settimane.

Ora cercherò pian piano di riprendere il mio vecchio ritmo che tanto mi piaceva!

Dunque torniamo ai lavori…prima partecipare al meeting ASI ER-Marche di circa un mesetto e mezzo fa, non sapevo dell’esistenza delle Pocket Letters…

è un modo molto originale (inventato da una ragazza di nome Janette Lane) di scambiarsi lettere un po’ particolari con amici di penna, abituali e occasionali; per farlo si utilizzano le classiche buste trasparenti da figurine a 9 tasche, ed in ogni tasca si inserisce qualcosa, che vada a formare nell’insieme dei 9 riquadri una composizione uniforme bella ricca di elementi; in alcune tasche spesso si inseriscono dei veri e propri pensierini, come può essere una bustina di tè, o dei piccoli abbellimenti scrap, etc.

Il bello di queste pocket letter è che proprio per come sono fatte possono poi essere ripiegate e spedite agevolmente in una semplice busta.

img_1611.jpegPer il Meeting regionale ASI lo swap consisteva proprio nel preparare una Pocket Letter a tema “Live Love Laugh”, da scambiarci per l’appunto il giorno del meeting; e questa è la mia interpretazione…nonchè la mia prima (e forse unica) pocket letter :)

La mia prima prova in realtà non è molto ricca di elementi come la maggioranza delle pocket letters che si vedono in giro su Internet, anzi è piuttosto semplice anche se credo di essermi già sforzata molto nell’aver inserito quello che c’è; in genere ho uno stile molto minimale e per quanto mi piacciano tanto quei lavori pienissimi di elementi e abbellimenti, faccio poi molta fatica a realizzarli io, anzi non ne sono proprio in grado.

img_1610.jpegPer farla ho usato delle carte pretagliate di un kit per Project Life di Becky Higgins, che ben si prestano a questo lavoro perchè basta ridimensionarle leggermente (circa 1 cm in larghezza e 1 in lunghezza) e sono già perfette per essere inserite nelle tasche.img_1612.jpegQuesto, in tutte le taschine tranne 2…dove ho tagliato 2 rettangoli di Bazzil craft, e con lo stesso bazzil ho tagliato con la Silhouette la scritta “laugh” che ho poi applicato tono su tono, e 2 graffe da usare come abbellimenti.

In 2 delle 9 tasche ho creato delle bustine di pergamino, una chiusa dalla pattina e una invece aperta sopra, dentro alle quali sono andate nella prima una bustina di tè nero deteinato biologico, e nell’altra degli abbellimenti e qualche timbrata.

Per il resto mi sono divertita con alfabeti adesivi, twine, scrittine fatte con la Dymo, etc etc.

E’ stato molto divertente prepararla e dà abbastanza soddisfazione perchè tutto sommato sì, ci ho perso qualche ora ma in una sera l’ho iniziata e l’ho anche vista finita :)

img_1613.jpegOvviamente l’ho impacchettata perchè mi piace un minimo di effetto sorpresa per chi poi l’ha ricevuta…quindi l’ho piegata in 3 e inserita in un banalissimo sacchettino marrone da pane, che ho decorato con un sentiment adesivo e del filo twine, e chiuso con un pezzetto di washi tape intonato.

Spero che sia stato gradito a chi l’ha ricevuto! :)